Obbedienza funzionale per il cane da ricerca

32,00 

Categoria:

Descrizione

Spesso sentiamo i conduttori di cani da ricerca persone o ricerca sostanze affermare “non faccio obbedienza perché il cane non cerca più”: è davvero così? Noi preferiamo parlare di obbedienza funzionale ossia di una tipologia di obbedienza che utilizziamo quotidianamente. Non è (sempre) appariscente come l’obbedienza sportiva.

Un cane da lavoro di solito ha bisogno di conoscere relativamente pochi comportamenti, che però devono essere eseguiti in contesti molto diversi e ciò presenta altre sfide che rendono l’addestramento ancora più divertente.

Per la maggior parte degli addestratori/conduttori di cani da sicurezza è ovvio che un cane che lavora ha bisogno di obbedienza. Ma la stessa cosa non è così ovvia per chi lavora in ricerca con il cane. Vi possiamo garantire che l’addestramento all’obbedienza funzionale rende l’addestramento tecnico ancora più stimolante e divertente. Inoltre, lavorare con un buon cane da ricerca che possiede anche un’obbedienza di base rende la vita del conduttore decisamente più piacevole.

Se l’addestramento all’obbedienza è pianificato e bilanciato con gli altri addestramenti, non avrà alcun impatto negativo sulla capacità del cane di lavorare indipendentemente dal conduttore. Al contrario, rende più facile per il conduttore far concentrare il cane sul compito da svolgere.

Come costruire un protocollo di obbedienza funzionale? Quali sono i comportamenti di cui abbiamo bisogno? In che contesto?

QUANDO

Mercoledì 26 ottobre dalle ore 20 alle ore 21.30. Per chi non potesse essere presente online è possibile accedere alla registrazione.

COSTO

32 euro iva inclusa

RELATORE

dott.ssa Roberta Bottaro addestratore ENCI sez.1 e 3, etologa, laureata magistrale in psicologia e scienze della formazione e criminologa, si occupa di tracking mantrailing e detection discipline che insegna in tutta Europa e Stati Uniti. Ha seguito diversi progetti di ricerca sull’olfatto del cane. Attualmente è formatore e conduttore di unità cinofile antiveleno all’interno del progetto LIFEWOLFALPS EU e di unità cinofile da rilevamento per clienti stranieri.